Dott. Andrea Piana da 25 anni dentista a Verona

Quando il dente va in necrosi da qualche sintomo?

Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 75 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #404 Reply
    Sonia
    Partecipante

    Salve, mi chiamo Sonia e ho 30 anni. Vorrei sapere se quando il dente va in necrosi da qualche sintomo? Ho qualche dubbio su un mio dente, vi prego rispondetemi. Grazie Sonia

    dentista a verona

    Dott. Piana dentista a Verona

    #405 Reply
    Dott. Piana Dentista Verona
    Amministratore del forum

    Sonia ha scritto:

    Salve, mi chiamo Sonia e ho 30 anni. Vorrei sapere se quando il dente va in necrosi da qualche sintomo? Ho qualche dubbio su un mio dente, vi prego rispondetemi.
    Grazie Sonia

    Chiariamo innanzitutto: un dente è necrotico quando muore la sua parte vitale composta da vasi, nervi ed altri tessuti che si trova al suo interno (polpa).

    Se non si interviene con una cura canalare, l’infezione conseguente causa svariati sintomi.

    A volte si presentano sintomi come dolore, sensazione del dente “rialzato”, gonfiore ecc…a volte invece la necrosi pulpare può risultare totalmente asintomatica. Ogni caso è a sè. Col tempo spesso si ha lo scurimento del dente e la mancanza di sensibilità sopratutto al freddo. Radiologicamente può comparire un riassorbimento osseo per infezione acuta o cronica, in corrispondenza dell’ apice del dente, visibile come una pallina più scura. Altre volte invece sfocia direttamente con un doloroso ascesso accompagnato da gonfiore vistoso. Poichè non sempre è conclamato, nei casi dubbi si può eseguire un test per saggiare la vitalità (ve ne sono di vari tipi).
    Lasciamo all’Odontoiatra l’onere di fare una valutazione sulla vitalità della polpa.
    Dia anche un’occhiata all’argomento DOLORE ALLA PRESSIONE

    Un esempio di radiografia
    radiografia di dente in necrosi con granuloma

    #498 Reply
    Dott. Piana Dentista Verona
    Amministratore del forum

    Aggiornamento con approfondimento dell’argomento.

    La spiegazione che segue è per ovvie ragione semplicistica e diretta all’utente medio poichè l’argomento sarebbe lungo e molto tecnico.


    Va subito detto che la genesi di una necrosi dentale è quasi sempre il risultato di una carie penetrante, ma non mancano casi in cui un limaggio per incapsularlo, o in occasione di una ricostruzione “robusta”, si vada a toccare la parte vitale del dente (polpa e nervo). Il dente solitamente prova a difendersi, ma raramente riesce nell’intento ed il risultato è la morte della parte carnosa. Ciò accade perchè essendo il tutto racchiuso in una camera rigida (la camera pulpare appunto), il gonfiore infiammatorio finisce per impedire definitivamente la circolazione sanguigna con conseguente morte del dente (necrosi). Tuttavia esistono casi da me riscontrati in studio che non sembrano correlati a nessuna particolare causa, ma non si può escludere che traumi, infezioni o altri agenti fisico-chimici, possano esserne la vera causa.
    Ciò che complica notevolmente la genesi è il fatto che quasi sempre fra l’evento traumatico-infettivo e i sintomi, possono passare mesi o anche diversi anni, rendendo così arduo il ricordo dell’episodio scatenante.
    I primi sintomi sono di solito sottovalutati e consistono in sensibilità spiccata al freddo e da un successivo e putroppo passeggero benessere. In questo momento il dente è “morto” e non è quindi in grado di sentire gli stimoli termici, ma questo benessere non durerà, infatti ciò che ne segue è un processo infettivo che produrrà dapprima un fastidio alla masticazione e sensazione di dente “insicuro” e “rialzato”. Successivamente può acquistare una discreta mobilità e diventare francamente dolente se si accavalla un processo ascessuale con gonfiore più o meno evidente ed esacerbazione violenta del dolore. Talvolta invece rimane povero di sintomi e viene tollerato anche per una vita intera senza intervenire, ma apparendo quasi sempre di colore più scuro a causa del poco sangue che rimasto all’interno si ossida colorando il dente dall’interno.
    Il rimedio per la verità non è neanche difficile purchè non si aspetti troppo sperando nel colpo di fortuna e consiste nella cura canalare, che deve essere fatta con grande attenzione per non essere essa stessa foriera di altri problemi. Fatto ciò (meglio se con una copertura antibiotica), i sintomi scompaiono in 1-5 giorni ed il dente diventa finalmente utilizzabile.
    Come già accennato sopra, la diagnosi spetta al dentista con vari mezzi fra cui il principale è senzaltro la radiografia supportata in caso di immagini dubbie dal test del freddo o dal test della conducibilità elettrica del dente.
    Per chiarire meglio cosa succede ecco qui un immagine che spiega come si crea la più comune delle necrosi…..cioè in conseguenza di carie.
    schema di come si arriva alla necrosi del dente

    #4745 Reply
    Ennio
    Ospite

    Ma visivamente ha qualche caratteristica un dente necrotico?

    #4747 Reply
    Dott. Piana Dentista Verona
    Amministratore del forum

    Ma visivamente ha qualche caratteristica un dente necrotico?

    Non sempre. Sopratutto inizialmente non presenta anomalie particolari, mentre dopo mesi o anni, tende ad essere più scuro degli altri, e talvolta rimane semplicemente così senza fare alcun intervento di sbiancamento. Ecco un’immagine di dente necrotico.
    dente necrotico scuro

    #5010 Reply
    Aldo
    Ospite

    Ma in quanto tempo un dente va in necrosi?

    #5027 Reply
    Dott. Piana Dentista Verona
    Amministratore del forum

    Ma in quanto tempo un dente va in necrosi?

    Non c’è un tempo “limite” in cui il dente va in necrosi. Talvolta avviene velocemente (giorni), altre volte lentamente (anni) e alcune non rare volte non ci si accorge nemmeno che il dente è morto (ovvero in necrosi). Personalmente ho scoperto parecchie volte soltanto in occasione di radiografie per altri motivi, che un dente aveva i tipici segni di infiammazione da necrosi. Come ripeto, spesso la responsabilitá é di estese ricostruzioni, ma mi é capitato anche di vederne senza alcuna apparente causa.

    #5750 Reply
    Sandro
    Ospite

    Ma se ho un dente necrotico, che cosa dovrei fare? Quale è la cura?

    #5800 Reply
    Dott. Piana Dentista Verona
    Amministratore del forum

    Ma se ho un dente necrotico, che cosa dovrei fare? Quale è la cura?

    Se si scopre di avere un dente necrotico, è meglio eseguire una cura canalare. Questa terapia viene eseguita in qualsiasi dente non vitale e serve ad impedire che i residui morti del dente instaurino una infezione cronica nella zona ossea profondamente al dente interessato. In questa pagina sulla devitalizzazione si spiega tutto per bene

    #6237 Reply
    claudio
    Ospite

    Salve dottore, ho subito la frattura molto estesa dei due incisivi superiori e di un laterale. Dalla radiografia, effettuata un paio di giorni dopo l’accaduto, non risultano fratture radicolari. Nessuna sensibilità al freddo nell’immediato. Ricostruzione (miracolosa, vista la drammatica situazione di partenza!!) in composito dei 3 elementi (lo spessore delle ricostruzioni risulta, però, palesemente diverso, tanto da far sembrare uno dei due denti più grigio/trasparente dell’altro). Nuovo controllo dopo un paio di mesi, dolore sparito, ma ancora nessuna risposta al test del freddo (ma nemmeno il laterale non compromesso risponde al freddo…). Il dentista mi suggerisce per il momento di aspettare per capire se è il caso di devitalizzare o meno. Al momento (sono trascorsi circa 4 mesi dal trauma)noto un lievissimo ingrigimento dell’incisivo più compromesso (ma forse, essendo quello con minore apposizione di composito è solo più “trasparente”). Il dentista ha programmato il prossimo controllo tra circa un mese, ma nel frattempo vorrei sapere quanto è affidabile il test del freddo, quando è il caso di devitalizzare anche nelle situazioni dubbie come la mia, quando sono da preferire le corone alle faccette. Grazie e perdoni il “papiro”!!

Stai vedendo 10 articoli - dal 1 a 10 (di 75 totali)
Rispondi a: Quando il dente va in necrosi da qualche sintomo?

You can use BBCodes to format your content.
Your account can't use Advanced BBCodes, they will be stripped before saving.

Le tue informazioni:




Dicono di noi....

Fulvio Tammacco
Fulvio Tammacco
07:09 21 Nov 19
Lo studio del dott. Andrea Piana è caratterizzato da igiene e cordialità. Ho telefonato per un urgenza , grazie alla sua disponibilità, il problema è stato risolto in meno di due ore. Professionale, serio, onesto , consigliatissimo
Marcia
Marcia
17:49 06 Nov 19
Come sempre ringraziamo la disponibilità, professionalità e la simpatia del dottore Andrea Piana. Consigliatissimo.
Angela Caianiello
Angela Caianiello
13:24 17 Oct 19
Per anni ho nascosto il sorriso per il disagio di una dentatura brutta..ad oggi devo dire grazie al dottor Piana se sono ritornata a sorridere in pubblico! È stato un lavoro lungo, tante volte ha dovuto ricordarmi il significato della parola “pazinete”, ho pazientato, aspettato i tempi biologici di guarigione e dopo quasi un anno di cure non ho più quel brutto ponte sbagliato nella forma e nel colore fattomi da uno pseudo dentista ma ho due impianti praticamente identici ai miei denti originali! Ancora grazie
Franco Boschini
Franco Boschini
12:01 13 Sep 19
Ottimo professionista sempre disponibile Io e mia moglie frequentiamo lo studio da qualche anno ci ha praticato alcuni implanti con ottimi risultati mai avuto problemi
GIULIA SATTIN
GIULIA SATTIN
14:40 20 Mar 19
Personale molto competente, ambiente confortevole. Prestazioni di qualità eccellente, il miglior centro secondo la mia esperienza.
jack lucky
jack lucky
15:05 01 Feb 19
Ho avuto un urgenza per il figlio, anche se clinicamente urgente non era, ma nonostante tutto il dott Piana vista la mia preoccupazione mi ha ricevuto nel giro di 3 ore! Grazie, grazie davvero. Competenza, professionalità e tanta disponibilità. Consigliatissimo!
Pietro Fanton
Pietro Fanton
20:28 18 Jan 19
Sono venuto allo studio dal dott. Piana dopo avere visto le ottime recensioni in internet. Era una emergenza e lui è stato molto disponibile. Un eccelente professionale. Ho avuto la conferma delle 5 stelle. Grazie al dott. Andrea Piana e al suo staff.
Maurizio Perotti
Maurizio Perotti
18:00 07 Jan 19
Mi sono trovato molto bene. Il migliore!
Barbara Di Martino
Barbara Di Martino
19:08 30 Apr 18
Oltre ad essere una persona gentile e anche molto comprensiva, e' anche un ottimo professionista! Ho avuto altre esperienze con altri dentisti... ma pulizia e professionalita' l'ho trovata in lui.... mi ha risolto problemi nn da poco con una finezza professionale eccellente! Ti ringrazio Andrea.... grazie davverro immensamente!
Altre recensioni